COME SONO I PROFUMI BIO? SCOPRIAMOLO CON CAMIBIO

Che cosa differenzia un profumo convenzionale da un profumo biologico e naturale?

Essenzialmente l’alcool utilizzato è di origine biologica, la fragranza deriva esclusivamente da oli essenziali naturali e biologici, non vengono aggiunti additivi né fissaggi, né coloranti di sintesi. Potremmo riassumere le caratteristiche . Ma approfondiamo le tipologie di profumi, per comprendere le differenze:

Cos’è una piramide olfattiva?

La piramide olfattiva è la rappresentazione di come una fragranza viene percepita nel tempo e si compone di 3 livelli, definiti “note”, classificati considerando il grado di volatilità dell’olio essenziale (persistenza e velocità di evaporazione):

1.Note di Testa: all’apice della piramide, sono percepite immediatamente e durano di solito qualche minuto. Si tratta di agrumi, piante aromatiche e note marine. Sono fragranze che stuzzicano l’olfatto e guidano l’acquisto immediato.
2.Note di Cuore: sono più potenti e consistenti, quelle che conferiscono alla fragranza il suo carattere definitivo. Si percepiscono dopo alcuni minuti e, solitamente, sono costituite da note fiorite e fruttate. Determinano la “scia” della fragranza.
3.Note di Base: sono le note caratterizzate da grande persistenza, evaporano con lentezza e per questo possono essere percepite a lungo. Note legnose, di cuoio, ambrate, muschiate, balsamiche, orientali, vanigliate sono alcuni esempi di note di fondo.

Esistono differenti tipologie di profumi. Ma come sono classificati?

La classificazione dipende dalla percentuale degli oli essenziali:

1.Parfum o Extrat o Essenza: dal 15% al 30-40%.
2.Eau de Parfum: dall’8% al 15-20%.
3.Eau de Toilette : dal 4% all’ 8%.
4.Eau de Cologne: dal 3% al 5%.
5.Eau Fraiche : meno del 3%.

Gli altri componenti delle profumazioni naturali, oltre agli oli essenziali, sono un mix di acqua e alcool. Nel Parfum/Extrat/Essenza: oltre che oli essenziali l’altro componente è solo ed esclusivamente alcool come solvente (non è prevista la presenza di acqua). Per tutte le altre tipologie si usa solitamente un mix indicativamente di 80% alcool e 20% acqua.

Esistono profumi senza alcool, ma sono molto rari, molto delicati e poco persistenti. Sono adatti per le pelli molto sensibili e facilmente irritabili. Un’altra possibilità per evitare alcool, è di utilizzare oli o burri vegetali nei quali aggiungere gli oli essenziali.

 

La persistenza sulla pelle di un profumo

Dipende non solo dalla tipologia di profumo, ma da tre fattori:

1.Concentrazione dell’essenza, % di oli essenziali, e quantità di note di Base che sono le più persistenti.
2.PH della pelle, il PH della pelle varia leggermente da persona a persona, solitamente compreso tra 4/4,5 e 5,75/6, un PH più acido contribuisce a ridurre in maniera sensibile la persistenza del profumo.
3.Tipologia di pelle, la presenza di oli nella pelle contribuisce a diffondere e a trattenere le molecole profumate delle fragranze. Quindi, più grassa è la pelle, più intensa risulterà la fragranza, e più a lungo durerà. Per chi ha la pelle secca, si consiglia quindi di mantenerla ben idratata per far durare più a lungo le fragranze. Inoltre più intensa è la vostra sudorazione, meno durerà il profumo. Le fragranze tendono a durare meno a lungo sulla pelle dei fumatori.

Come e dove si applica il profumo?

Profumarsi fa parte della cura del corpo e, come ogni cura, richiede preziosi (e pochi) minuti di attenzione. Esperti di Profumeria (Nasi) e di cosmesi sono concordi su una serie di misure utili ad aumentare l’intensità dei profumi, anche dei più delicati. Il profumo va applicato a 10 cm di distanza dal corpo. Eau Fraiche e acqua di colonia possono essere spruzzate in abbondanza anche sui vestiti: se applicate sul foulard, sull’orlo dell’abito o sul collo del vestito, sprigioneranno, quando ti muovi, le note essenziali della fragranza.Gli estratti di profumi, i profumi solidi e l’eau de parfum vanno invece usati con parsimonia, è bene applicarli solo sui punti caldi, dove pulsa la circolazione del sangue: dietro le orecchie, su entrambi i polsi, sul collo, le tempie, incavo del braccio, in cui l’aroma penetra maggiormente, impregnando più intensamente la pelle.

Quale profumo comprare in base alla stagione?

È possibile utilizzare un profumo per l’autunno/inverno e uno per la primavera/estate. Il profumo autunnale è in genere più intenso, le note sono dolci, vanigliate, legnose e la sensazione è quella di un abbraccio avvolgente che riscalda; il profumo estivo è invece più frizzante o fruttato. In genere si predilige l’eau de parfum che ha un’intensità maggiore per l’inverno; l’eau de toilette più fresco e volatile per l’estate.

 

Trovi i nostri Eau de Toilette biologici qui e i Profumi naturali qui.